RPLF Indipendente Presenta: The San Pablo Series


Non sono di Roma ma penso non interessi a nessuno.

Il punto è che quando mi son trasferito qui avevo un'idea di moto in testa; ero sicuro che in una città come questa avrei trovato quello che cercavo.

Ed il quartiere di San Pablo è stato l'inizio.

A voi le San Pablo Series.


- si prega di leggere il Chiarimento in calce all'articolo -


Si tratterà di una serie a puntate, ognuna su un personaggio, un mezzo, un particolare di questo mosaico che è il kustom a Roma.

Dal piccolo della mia esperienza, poveramente aiutato dalle mie limitate capacità narrative e fotografiche, cercherò di farvi conoscere le persone e le moto che conosco, stimo e che sì, un po' la vita me l'hanno cambiata, mostrandomi che la follia è necessaria ad una vita sana.

A two-wheeled frenzy.

Tipo lo Smith che in questa foto si dirige a manella verso una zambrocca a bordo strada.



 Di notte andiamo nei nostri posti. Poi strappiamo la città addormentata.
Drag pipes e semafori verdi.




Di giorno spesso ci divertiamo a far danni sulle moto. Come dice Jack...perché pagare un meccanico che faccia casini sulla mia moto quando posso farli io gratuitamente?


Altre volte il tramonto è troppo bello per guardarlo da fermi.


La compagnia a volte si restringe, a volte si allarga. 
I mezzi sono sempre di ottimo livello.


I posti e le persone anche.




A volte si incontrano storie degne di essere raccontate.



Ecco, questo potrebbe essere un primo teaser di quello che potrete vedere su questi schermi.
Una serata tipo: qualche moto, un bbq da qualche parte, una macchina americana da vedere.


Il Ford Shoebox del '50 del Gianluca è l'antipasto.








La birra è il dessert.





Chopper e kustom car sono sempre andati d'accordo.


 Se volete vedere qualche bel mezzo e conoscere qualche personaggio, restate sintonizzati.

E se vi volete unire, sapete dove trovarci:
a San Pablo.

Che in sostanza è come dirvi di trovare Macondo nella giungla.

- Chiarimento -

Ci troviamo costretti a ricordare che questo blog è indipendente. 
I banner pubblicitari in cima o in calce alla pagina sono BANNER PUBBLICITARI.
Siamo autofinanziati.
Non lavoriamo per nessuno, non dipendiamo da nessuno, non veniamo pagati per fare servizi pubblicitari.
Il nostro datore di lavoro è la passione.

Il resto è muffa.