Lardish 2016 / Tellaro (SP): Photo Gallery Parte 1

PARTE 1 - PARTE 2

L'appuntamento per il Lardish 2016, organizzato da Riccardix di Elefantentreffen.com, è per sabato mattina 3 settembre ore 10:00, sprecisi, alla statua dell'Elefante di Annibale a Rivalta del Trebbia.

Venerdì decido di dare una ripulita alla moto dopo i 6300 Km percorsi in agosto in Spagna.
Non l'avessi mai fatto, a dimostrazione che la moto non va pulita troppo, il getto dell'acqua dissalda entrambi i cavi stop e posizione posteriori. Non si accende più nulla là dietro. Diavolo.
Guardo l'ora: 19:40.
Ottimo, le officine sono chiuse. Dovrò arrangiarmi da solo.

Tramonto a Tellaro (Lerici, SP) - Lardish 2016

Scendo in cantina e mi accorgo di non avere dei cavi elettrici di scorta. Trovo il motore di un vecchio frigorifero da cui recupero, barbaramente, un pezzo di cavo elettrico di poco più di 10 cm di lunghezza. Me li farò bastare.
Torno in cortile, smonto il faro dalla moto ed inizio ad ispezionarlo per capire esattamente qual è il problema. I cavi elettrici si sono staccati esattamente dietro al polo positivo dell'attacco a molla delle lampadine.
In cantina provo a risaldarli con lo stagnatore ma niente, il "pirulino" che fa da tramite tra i cavi e la lampadina è "usa e getta" e non c'è modo, quindi, di riutilizzarlo.
Non so dove sbattere la testa, sono ormai le 21:30 e mi sale il pensiero che forse, domani, dovrò saltare il giro in moto.

Problema al faro posteriore.
Harley-Davidson Dyna FXDC Super Glide Custom
Ma no dai, non posso rinunciare al Lardish, ci deve essere una soluzione, penso tra me e me.
Parte il momento ignoranza, ricorro all'arte dell'arrangiarsi e mi viene un'idea. Chissà se funzionerà.
Scopro 1 cm di rame per cavo, faccio passare i cavi dentro ai fori della rondella di plastica che è posizionata dentro la molla, dietro al faro e creo un groviglio di rame a forma di pallina, cercando di ricreare una sorta di connettore. Una goccia di stagno e salgo in cortile a provare il tutto.
Con grande stupore (non vado molto d'accordo con l'impianto elettrico) funziona alla grande.
Non sarà un lavoro degno del Magni ma sono pronto a partire!

La sveglia è alle 6:30, faccio la borsa velocemente (ieri sera ero troppo stanco), carico la moto e mi trovo alle 8:00 in circonvallazione Sud a Milano con Palmiero e sua moglie.
Direzione Rivalta del Trebbia!

Rivalta del Trebbia
Statua di Annibale a Rivalta del Trebbia
Statua di Annibale a Rivalta del Trebbia
Palmiero ed io alla statua di Annibale a Rivalta del Trebbia
Palmiero (Anthony Hopkins) alla statua di Annibale a Rivalta del Trebbia
Statua di Annibale a Rivalta del Trebbia
Sono le 10:30 e di Riccardix e degli altri Elefanti neanche l'ombra. Al cellulare non risponde, sarà in viaggio.
Mentre aspettiamo, mi faccio una cultura su Annibale, Scipione e le Guerre Puniche.
Finalmente arriva la telefonata di Riccardo che ci informa che c'è stato un guasto alla moto di Tito, che l'hanno dovuta lasciare dal meccanico e che stanno arrivando tutti insieme.

Sprecisi come sempre.

Arrivati tutti, siamo finalmente pronti a ripartire alla volta di Tellaro. Niente autostrada, tutte statali, pochi km ma tante ore di guida.










Finalmente gli Elefanti riescono a valicare il confine tra Emilia Romagna e Liguria.
Annibale sarebbe fiero di noi.




Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Finalmente, verso le 17:15, arriviamo a Tellaro. È una giornata splendida. Corriamo in albergo per cambiarci e andare in spiaggia a goderci, forse, l'ultimo bagno dell'anno.

Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Tellaro (Lerici, SP)
Io, Giorgio (l'Acerrimo), Palmiero e Riccardix - Lardish 2016
Tellaro (Lerici, SP)
Riccardix, Guido, Marco e Giorgio
Si è fatta l'ora di cenare (con moooolta calma). Il racconto proseguirà domani...

PARTE 1 - PARTE 2

See you soon on the road,
Jack