60° Elefantentreffen 2016 / Solla Parte 3: Verona-Monaco (Hofbrauhaus)

PARTE 1 - PARTE 2 - PARTE 3

Giovedì mattina mi sveglio un po' frastornato, ho dormito poco per via dei miei due compagni di stanza, Francesco e Maurizio, che non hanno smesso un minuto di russare. La cosa migliore è una bella colazione ricca ed un buon caffè per affrontare al meglio il viaggio. Dopo aver legato i bagagli alla moto, ci diamo appuntamento davanti all'Hotel, tutti pronti per partire.

60° Elefantentreffen 2016 - Partenza da Verona



Ovviamente, essendo sprecisi di natura, tempo 2 minuti e ci fermiamo alla prima stazione di rifornimento per fare il pieno alle moto. Sarà impegnativo, inizio a pensare tra me e me, viaggiare con un gruppo di 60 motociclisti che si conosce poco. Bah, vedremo.

60° Elefantentreffen 2016 - Pausa benzina lungo il Brennero

60° Elefantentreffen 2016 - Jack

Tra una pausa e l'altra per il rabbocchino, il Vate ci delizia nei parcheggi degli Autogrill strimpellando la chitarra sotto gli sguardi increduli dei passanti che già si chiedevano cosa ci facessero così tante moto a gennaio a due passi dall'Austria. Tanta stima per Maurizio.

60° Elefantentreffen 2016 - Riccardix (il Grande!) insieme al Vate

60° Elefantentreffen 2016 - Pausa benzina lungo il Brennero

60° Elefantentreffen 2016 - il Vate insieme a Palmiero

A poco a poco si viene a formare un gruppo di scissionisti e, comunicato al Presidente il nostro cambio di itinerario, Francesco, Maurizio, Palmiero ed io decidiamo di abbandonare l'autostrada e goderci le tortuosità delle strade di montagna austriache per poi ritrovarci tutti insieme nel tardo pomeriggio in Hotel a Monaco. Ed ecco che abbiamo fatto il danno.

Dallo specchietto retrovisore noto un gruppetto di 4-5 motociclisti, evidentemente ignari del nostro percorso alternativo, che ci seguono convinti che sia la strada maestra. Così ci fermiamo a fare il punto della situazione e tra un'imprecazione e l'altra, gli sfortunati elefanti decidono di tornare al più presto in Autostrada per tentare di recuperare il gruppone. Si è fatta però ora di pranzo, così noi del gruppo di sovversivi ci fermiamo a mangiare in un ristorante di un paesino lungo strada.


A pancia piena ci rimettiamo in viaggio, mancheranno ancora un paio d'ore a Monaco, ma inizio poco dopo a sentire la stanchezza della giornata e a sognare una bella doccia calda. Ad attenderci ci sono i nostri amici con già le birre in mano, si ride, si scherza e si sbevazza allegramente nel tipico clima casinaro degli elefanti.

60° Elefantentreffen 2016 - parte del gruppo di Elefantentreffen.com

60° Elefantentreffen 2016

Dopo aver carburato per benino, ci dirigiamo alla Hofbrauhaus, comunemente chiamata HB, una delle fabbriche più antiche bavaresi, risalente al 1589.

60° Elefantentreffen 2016 - Jack e Francesco

60° Elefantentreffen 2016 - Centro di Monaco

60° Elefantentreffen 2016 - Hofbrauhaus

60° Elefantentreffen 2016 - Hofbrauhaus

60° Elefantentreffen 2016 - Hofbrauhaus

60° Elefantentreffen 2016 - Hofbrauhaus Francesco tazzatore

Durante il corso della serata, come i presenti ben ricorderanno, sono successe cose indimenticabili che è meglio lasciare alla memoria degli elefanti. Basta che sappiate che stavamo per essere cacciati dal locale per aver fatto troppo baccano.


Per finire voglio salutare e ringraziare due personaggi che hanno reso quel momento, magico. Grazie tedesco di cui ignoro l'identità e grazie Vate, sei il numero uno!

60° Elefantentreffen 2016 - Hofbrauhaus
60° Elefantentreffen 2016 - Hofbrauhaus



60° Elefantentreffen 2016 - Itinerario di giovedì

See you soon on the road,
Jack

PARTE 1 - PARTE 2 - PARTE 3