Recensione scarponi invernali Sorel Caribou

Tre-quattro anni fa chiesi ad un amico esperto motociclista un consiglio per uno stivale da moto caldo, adatto per l'Elefantentreffen per intenderci, e mi indicò il Sorel modello Caribou (www.sorel.it).

Sorel Caribou
Che dire, dopo il freddissimo Elefantentreffen 2015 e il, seppur meno freddo, Elefante 2016, mi sento di averne passate abbastanza per potermi sbilanciare ed esprimere la mia opinione a riguardo.

ESTERNAMENTE
Lo scarponcino presenta una suola in gomma vulcanizzata impermeabile caratterizzata da tanti "pallini" che garantiscono un'ottima tenuta anche su terreni innevati e fangosi.

Sorel Caribou
La porzione di gomma è ben alta e protegge il piede anche lateralmente e soprattutto sulla punta, garantendo anche una maggior resistenza nei confronti dell'acqua/neve e dell'usura. Superiormente troviamo una spessa tomaia in pelle Nabuk (o cordura, a seconda dei modelli) che dona un aspetto molto gradevole allo stivale.

Sorel Caribou
Molto interessante è il grado di resistenza ad agenti atmosferici, quali neve ed acqua: nonostante le forti nevicate, la neve fresca a terra, la pioggia e il fango, l'interno dello stivale è rimasto sempre asciutto per tutta la durata dal viaggio, anche grazie alle cuciture termosaldate che garantiscono un'impermeabilità eccellente.

INTERNAMENTE
È presente un "doppio scarponcino" interno in feltro, imbottito ed estraibile  che ha lo scopo di isolare meglio il piede per assicurare, come riporta il la società produttrice, una resistenza fino a -40° C.

Sorel Caribou
Sorel Caribou
Sorel Caribou
Personalmente ho trovato questi scarponcini eccezionali: sono un prodotto di grande qualità e di indubbia resistenza. Ho apprezzato molto l''attenzione nei dettagli e la scelta dei materiali. La sensazione che si prova, quando le si ha indosso, è di avere ai piedi delle pantofole calde e morbide.

PRO:
- scarpone morbido e molto caldo
- comodo per camminare e per guidare
- completamente impermeabile

CONTRO:
- si perde, ovviamente, un po' di sensibilità a livello del cambio
- la scarpetta interna se si bagna con il sudore o con l'umidità richiede un po' di tempo per asciugarsi
- non essendo uno stivale da moto, risulta poco protettivo in caso di caduta rispetto ad uno stivale tecnico

UTILIZZO:
Perfetto per viaggi invernali come quello dell'Elefantentreffen.

PS: ricordatevi di riposizionare la leva del cambio più in alto, altrimenti non riuscirete a cambiare marcia!

See you soon on the road,
Jack