Guida Elefantentreffen Parte 1: come vestirsi

La mia Harley-Davidson Dyna FXDC all'Elefantentreffen 2015.
Ore 7:15 di mattina dopo la nevicata notturna.
Guida RPLF Elefantentreffen:

State pensando di andare al vostro primo Elefantentreffen ma avete paura di morire di freddo. Non avete però mai affrontato un viaggio invernale. La cosa vi stimola ma allo stesso tempo vi fa un po' paura.
Non vi preoccupate, RPLF vi aiuterà ad organizzarvi al meglio per godervi senza pensieri il vostro primo Elefante.


OGGI PARLIAMO DELL'ABBIGLIAMENTO DA PORTARSI DIETRO.
Come in ogni viaggio in moto, meno roba si porta e meglio è. La regola principale è viaggiare leggeri, specialmente quando rischierete di trovarvi a dover guidare la moto sulla neve (quando vi andrà bene) o peggio ancora sul ghiaccio (come è successo a me e a Francesco a Monaco).
Quindi primo punto: portare lo stretto necessario. Francesco ed io abbiamo deciso di fermarci la prima notte a Monaco, la seconda in tenda a Solla, la terza a Innsbruck. Se farete così, potrete quindi portarvi un solo paio di indumenti per ogni tipo che andrete a lavare appena arrivati in albergo facendo attenzione a strizzarli bene e posizionarli vicino al calorifero o al bocchettone dell'aria (io per sicurezza mi porto sempre dietro un piccolo phon da viaggio).
Secondo punto importante: capi "tecnici" e traspiranti. La cosa peggiore che possiate fare è vestirvi troppo pesanti e sudare. Più che il vento, vi fregherà il vostro stesso sudore che si raffredda. Ok che non sono un tipo freddoloso, ma durante il mio viaggio non ho mai patito freddo se non alle mani (nella prossima guida vi spiegherò cosa fare)... e viaggiavo senza parabrezza con il vento sulla faccia.
Terzo consiglio è quello classico che ci si sente sempre dare in montagna: vestirsi a strati ("a cipolla"), sempre utilizzando capi traspiranti. Ricordatevi che i vestiti devono stare "giusti", se indosserete due paia di pile uno sopra l'altro, abbiate cura di prendere quello esterno di una taglia in più. Stessa cosa vale per sottocalze-calze e sottoguanti-guanti. La cosa peggiore che potrete fare è indossare capi troppo stretti che non vi faranno ben circolare il sangue. Le prime parti del corpo che patiranno il freddo saranno: mani, piedi, collo.
Ultimo consiglio, se li avete, utilizzate già capi in Gore-Tex in modo da non dovervi fermare in continuazione se dovesse iniziare a nevicare. Io mi sono portato comunque l'antipioggia classico in caso di pioggia o nevicata pesante.


Abbigliamento dal basso verso l'alto:

  • Sorel: d'obbligo. Vi terranno il piede al caldo per tutto il viaggio. Davvero consigliatissimi. "Poca spesa" tanta resa. Costo circa 120€.
  • Scarpe normali: da usare in città. Nel nostro caso Monaco e Innsbruck.
  • Ghette: servono ad evitare che entrino spifferi d'aria tra stivale e pantalone quando si è seduti in moto. Io ho utilizzato quelle Decathlon. Costo circa 15€.
  • Calze in seta x1: in realtà sono delle sottocalze. La seta aiuta a mantenere la temperatura corporea. Io non ho mai patito freddo ai piedi. Costo circa 15€.
  • Calze pesanti x2: ho utilizzato quelle da caccia del Decathlon. Costo circa 15€.
  • Mutande 3 paia: se diete organizzati con pernottamento A/R in albergo potete portarne anche solo 2 paia. Io ne ho portate 3... si sa mai.
  • Calzamaglia x2: ho utilizzato quella della Nike invernali per correre (volendo se ne può portare solo una). Costo variabile a seconda della marca.
  • Pantaloni da moto invernali: io ho un vecchio paio entry-level della Dainese in GoreTex. Se non ricordo male, costo circa 250€.
  • Pantaloni da caccia in Pile Decathlon: sono trattati esternamente con materiale idrorepellente, sono comodi, larghi e caldi. Ottimi da indossare alla sera per andare a mangiare o per girare al raduno.
  • Maglietta in cotone: da usare in albergo o per dormire.
  • Maglia termica manica lunga x2: indispensabile, vanno benissimo quelle che si usano per sciare. Io ho delle vecchie maglie termiche della Craft.
  • Maglia termica manica corta x2: da mettere eventualmente sopra/sotto quella a manica lunga.
  • Pile leggero: ho utilizzato un pile sottile economico della Sport Specialist. Costo 10€.
  • Pile pesante: ho utilizzato un pile del Decathlon. Costo 15€.
    Attenzione! Assicuratevi, indossando i due pile, di riuscire a chiudere comodamente la giacca da moto a livello del collo (avrete anche il sottocasco che fa spessore).
  • Giacca da moto: come dicevo prima, l'abbigliamento in GoreTex torna molto comodo. Attenzione che lo strato in G-T è "interno", esternamente c'è un rivestimento in cordura che si inzuppa quando piove. Io ho utilizzato una vecchissima giacca di non so nemmeno che marca.
  • Giacca Tribord da vela Decathlon: questa è una chicca. Fa parte degli indumenti invernali da vela. Prendetene una molto abbondante da tenervi di scorta nella borsa e da mettere sopra alla giacca da moto in caso di freddo estremo. Costo circa 50€.
  • Guanti invernali moto: due cose importanti, che siano caldi e che siano comodi. Se li prendete troppo stretti non passerà la circolazione e vi ritroverete le mani gelide dopo 10 minuti.
    NB: esistono alcuni modelli riscaldati. Alcuni si collegano alla batteria della moto, altri hanno al loro interno una piccola batteria ricaricabile. I primi sono un po' scomodi perché vanno ogni volta attaccati e staccati, però non si scaricano mai. I secondi sono più pratici ma hanno 2-5 ore di autonomia a seconda della temperatura impostata.
  • Sottoguanti seta moto: come per le calze, isolando maggiormente, aiutano a mantenere la temperatura corporea. Costo circa 15€.
  • Passamontagna Gore-Tex da moto: io ho utilizzato quello invernale della Dainese.
  • Girocollo Gore-Tex da moto: ho utilizzato quello classico della Tucano-Urbano.
    Consiglio: il passamontagna l'ho inserito dentro la giacca, il girocollo invece l'ho tenuto fuori. Così facendo si hanno tre strati: girocollo, giacca, passamontagna che impediscono all'aria fredda di entrare.
    Tranquilli, se fate come me che vado senza parabrezza, dell'aria fredda arriverà comunque.
  • Berretto di lana: fondamentale per quando fate le pause in Autogrill e da tenere al raduno (specialmente se siete pelati).
  • Fascia renale: duplice scopo, protezione in caso di caduta e sostegno a livello renale. Se dovete stare tante ore sulla moto, la fascia renale vi aiuta a non trovarvi la schiena distrutta a fine giornata. E se vogliamo... vi aiuta anche a tenere calda la pancia.
  • Occhiali da sole
  • Phon da viaggio: utilissimo per asciugare i vestiti bagnati.
  • Leatherman: NON PUO' MANCARE MAI!!!!

Per qualunque domanda o consiglio scriveteci al nostro indirizzo email o commentate qui sotto.

Nella prossima Guida parleremo della moto, come prepararla, cosa portarsi dietro, accortezze e suggerimenti.

See you soon on the road,
Jack